ALBA CALCIO – RIVOLI: 1-0

56′ Cena

ALBA CALCIO (4-2-3-1): Corradino, Coppola, Arkaxhiu, Cena, Esposito, Dieye (75’ Dell’Anno), Cornero (64’ Rossi), Ozara (81’ Medda), Erbini (83’ Cinquemani), Galasso, Nania

A disp.: Costamagna, Desantis, Guienne, Feraru, Delpiano

All.: Telesca

RIVOLI (4-4-2): Zampaglione, Bernard (65’ Ba), Esposito, D’Antoni, Bellino, Grillo (39’ Valente), Soresini, Benucci, Pinelli, Pavia, Halifa

A disp.: Vero, Ferreri, Ngom, Oddone, Romani, Celesti, Carpinello

All.: Vood (Nisticò Squalificato)

ARBITRO: Sig. Bevere di Chivasso

Assistenti: Sig. Rizzo di Pinerolo e Sig. Muca di Alessandria

Ammoniti: Esposito, Dieye (AC), Pavia, e Ba (R.)

Recupero: p.t.2’, s.t. 6’

Note: giocato sul sintetico del “Coppino” di Alba con una leggera nebbiolina, temperatura fredda.

ALBA: Questa sera è stata scritta una nuova pagina per questa società, dal Cornelianoroero e oggi Alba calcio mai si era raggiunto una finale di coppa Italia, con la vittoria legittima nella semifinale di ritorno con il Rivoli si aggiunge questa grande soddisfazione. I presupposti e le condizioni erano già state messe in atto nel successo, sempre di misura però in trasferta, già nella partita di andata, questa sera con l’ennesima prova di spessore anche in questo “ritorno” ennesimo risultato che consente l’Alba Calcio di andare a giocare la fase finale di Coppa Italia il 6 Gennaio in campo neutro con il Borgaro, vincente dell’altro girone. E’ una soddisfazione che giustamente premia questi ragazzi dove, con questa sera, inanellano l’undicesimo risultato positivo consecutivo e dopo la magistrale vittoria nel derby di domenica con l’Albese. I ragazzi di mister Telesca chiaramente arrivano a questa partita molto logori avendo fino ad oggi giocato 17 partite in campionato e ben 8 in coppa Italia ma grazie a una super condizione atletica, un gruppo di ragazzi “uomini” encomiabile hanno fino ad oggi ottenuto un quarto posto in classifica e la finale di coppa regionale. Francamente non si poteva immaginare questo momento che si è avverato grazie alla tenacia, alla dedizione, all’applicazione e alla pazienza di tutti i componenti di questa società. La partita di questa sera, anche con il vantaggio in tasca, non era facile e il Rivoli è squadra di spessore anche tanto esperta quindi questa semifinale era veramente ancora tutta da giocare in virtù del fatto che all’appello mancavano anche gli infortunati Feraru e Delpiano con Cornero a mezzo servizio. La partenza dei torinesi è stata a manetta ma Esposito e compagni non si sono scomposti e con la solita sapienza hanno sempre chiuso tutti gli spazi e ripartendo con ficcanti proiezioni. Nonostante lo sforzo il Rivoli non trova mai lo spiraglio giusto e si deve accontentare di un paio di innocue conclusioni dalla distanza però rischia su un palo esterno di Esposito, dopo punizione di Galasso, su una conclusione a fil di palo sempre del “Capitano” e una sventola appena alta di Arkaxhiu. La ripresa si apre con una testata a ritroso di un centrale torinese con la palla che si perde a fil di palo !! Al 56’ arriva il vantaggio: dopo azione d’angolo la sfera arriva al limite dove si avventa Cena che lascia andare un destraccio micidiale che colpisce il palo interno e rotola in fondo al sacco. 1 a 0 meritato. A questo punto gli ospiti diventano furenti, le provano tutte per cercare la via della rete ma nonostante il furore agonistico si scontrano con la calma e la posizione degli albesi che non non fanno mai correre grandi spaventi a Corradino. Prima del fischio di chiusura è ancora Rossi che si invola in contropiede ma da posizione decentrata Zampaglione sventa la minaccia. Al triplice fischio del direttore di gara giunge l’ora dei meritatissimi festeggiamenti in campo e negli spogliatoi dove lo spumante obbligatoriamente scorre a fiumi. Qualche giorno di altrettanto meritato riposo in vista delle festività natalizie ma subito dopo bisognerà tornare al lavoro, il 6 gennaio ci aspetta una finale che non sarà una partita comune, dovremo andare a vincere la COPPA ITALIA REGIONALE.

Luca CENA

Ti potrebbe piacere: